News Chieti-Pescara
In Evidenza - 03 gen 2018

MONITORAGGIO DANNI DA CALAMITÀ NATURALI - Neve e ghiaccio Febbraio 2018

In seguito alle nevicate degli ultimi giorni che hanno colpito diverse aree nella nostra regione e in particolare alcune zone delle province di Chieti e di Pescara, la Confederazione Italiana Agricoltori si è attivata per fare subito una stima dei danni. Sono pervenute diverse segnalazioni di coltivazioni danneggiate a causa della neve e dal ghiaccio, pertanto, al fine di quantificare i danni con maggiore precisione, è stato predisposto un modulo da riempire (è possibile farlo sia online che nei nostri uffici), dove è prevista la possibilità di inserire la tipologia e l'entità dei danni subiti. CLICCA QUI PER RIEMPIRE IL MODULO >> https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSddN9JDv4IWHTZ9JAqVmroOK-Z5UwypkuNBuNahhzHarotC0A/viewform Attraverso questi dati sarà possibile intraprendere azioni concrete nelle sedi opportune. Si ricorda inoltre della determina della Regione Abruzzo del 21/10/2016 che disciplina le segnalazioni dei danni e delimitazioni del territorio colpito da evento atmosferico eccezionale. La determina prevede per le aziende agricole che le segnalazioni vadano comunicate allo STA/UTA di riferimento, per i danni (ad es. alle strutture, agli impianti produttivi e alle scorte aziendali) non assicurabili nel Piano Assicurativo Agricolo annuale. Vanno allegate foto ed eventuali perizie e vanno segnalate entro 10 giorni dal verificarsi dell’evento. MODULISTICA http://www.regione.abruzzo.it/content/modulistica-calamit%C3%A0-naturali



News Chieti-Pescara
In Evidenza - 04 nov 2017

INFORMATIVA SULLE POLIZZE ASSICURATIVE AGEVOLATE E SPERIMENTALI

In allegato informativa sulle nuove modalità di accesso alle polizze assicurative agevolate. Inoltre anche una "finestra" sulle nuove polizze sperimentali su produzione cereali, foraggere ed oleaginose. 

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 04 nov 2017

INDENNITÀ COMPENSATIVA ZONE MONTANE (MISURA 13 PSR - SOTTOMISURA 13.1) SCADENZA 15 MAGGIO 2017

SCHEDA INFORMATIVA INDENNITA’ COMPENSATIVA ZONE MONTANE MISURA PSR 13 sottomisura 13.1

SCADENZA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 15 MAGGIO 2017

In allegato informativa sintetica.​

 

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 02 lug 2017

Bando PSR Formazione

Il 21 Febbraio 2017 scadrà il bando sulla MISURA M1 - SOTTOMISURA 1.1 - AZIONI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E ACQUISIZIONI DI COMPETENZE.
Per ulteriori informazioni potete rivolgervi agli uffici della CIA Abruzzo o del Cipat Abruzzo.
Per consultare il Bando e scaricare la domanda di iscrizione (Modello 3), cliccare sul seguente link:

http://www.regione.abruzzo.it/content/misura-m1-sottomisura-11-azioni-di-formazione-professionale-e-acquisizioni-di-competenze 



News Chieti-Pescara
In Evidenza - 12 mag 2017

Stai pensando di acquistare un'auto nuova o un veicolo commerciale? Hai tempo fino al 31 Gennaio 2018!

 Attraverso la convenzione CIA-FCA è consentito alle imprese associate e ai Dipendenti del Sistema Cia di acquistare autovetture e veicoli commerciali dei marchi Fiat, Abarth, Alfa Romeo, Lancia, Jeep e Fiat Professional con speciali condizioni di trattamento a loro riservate in via esclusiva.

Per accedere alle suddette condizioni  l’impresa associata alla Cia e i dipendenti del Sistema Cia dovranno consegnare alla Concessionaria, all’atto della prenotazione del veicolo,   copia della tessera Cia 2017 o la dichiarazione di appartenenza, su carta intestata CIA, redatta dagli Uffici Territoriali della Confederazione.  

I vantaggi sono estesi anche alle autovetture del marchio FIAT, ABARTH, LANCIA, ALFA ROMEO e JEEP, con importanti riduzioni di prezzo, cumulabili con le offerte finanziarie proposte da FCA Bank.

La convenzione è operativa, salvo ulteriori rinnovi, fino al 31 gennaio 2018. Sul sito www.ciaabruzzo.it è riportato il collegamento per i dettagli della convenzione riguardanti i requisiti, i modelli acquistabili e le relative scontistiche. 

Sul sito Cia nazionale  www.cia.it   è prevista l’apposizione di un banner che consentirà di richiedere preventivi e di mettersi in collegamento con l’Agente territoriale FCA  addetto alla vendita.

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 01 apr 2017

APP AGEA DISPONIBILE SU IOS E ANDROID

Disponibile sia per Android sia per iOS la nuova App Agea che permette, per la prima volta, agli agricoltori di seguire lo stato di avanzamento della loro domanda. 
Con un sistema a semaforo sono indicate le pratiche corrette o le eventuali anomalie che possono essere risolte contattando i CAA di riferimento o direttamente Agea.
 



News Chieti-Pescara
In Evidenza - 03 gen 2017

Domanda di assegnazione nuovi impianti vigneti

Ogni anno le aziende agricole possono richiedere superfici per impiantare nuovi vigneti.

Beneficiari:

Tutte le aziende agricole

Criteri di ammissibilità:

Possono essere richiesti tutte le superfici non utilizzate a vigneto o con vincoli condotte dall’azienda in proprietà, affitto o comodato gratuito per una superficie compresa tra 0,50 a 50 ettari. Le richieste ammissibili saranno accettate nella loro totalità se saranno uguali o inferiore alla superficie nazionale ammissibile. In caso di una richiesta superiore alla superficie nazionale sarà calcolata in maniera proporzionata a livello regionale. Ai singoli richiedenti il numero totale degli ettari disponibili è assegnato in maniera proporzionata sulla base delle superfici richieste. Qualora l’autorizzazione rilasciata è inferiore al 50% della superficie richiesta l’azienda può rifiutare entro 10 giorni e sarà ripartita tra gli altri richiedenti.

Rilascio autorizzazioni:

Entro il 1 giugno verranno fatte le comunicazioni ai produttori che avranno 3 anni per impiantare i vigneti. Queste autorizzazioni non possono accedere al finanziamento della Ristrutturazione e Riconversione Vigneti.

Puoi recarti presso l'ufficio CIA più vicino per informazioni e per l’inoltro della domanda.


la presentazione delle domande scade il 31 MARZO  2017

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 05 nov 2016

Disciplinare di Produzione Integrata DPI annualità 2016

Disciplinare di Produzione Integrata DPI annualità 2016 Aggiornamento Disciplinare di Produzione Integrata DPI annualità 2016 vincolante per le aziende operanti nella Regione Abruzzo e che aderiscono ad impegni specifici previsti dal Programma di Sviluppo Rurale in attuazione di metodi per l'ottenimento di produzioni agricole ecocompatibili di qualità. Documento unico contenente informazioni in allegato: - DPD019/55 del 08.04.2016 - ALLEGATO "A" TECNICHE AGRONOMICHE - DPI 2016 Abruzzo ALLEGATO "B" DIFESA

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 04 nov 2016

Bando per l'insediamento di giovani in agricoltura.

Bando per l'insediamento di giovani in agricoltura. Alcuni accorgimenti: - E’ necessario registrarsi sul portale (chi è già registrato potrà utilizzare i parametri di cui è già in possesso) utilizzando la PEC; - Il Business Plan può essere fatto o con lo strumento BPOL o con “Format Excell”; - E’ consentito inserire più CUA delle parti venditrici per il caricamento dei dati con la possibilità di aggiungere o togliere particelle in fase di compilazione; - Ricordarsi di compilare tutti i documenti richiesti e comunque in nessun caso caricare documenti in bianco (caricare sul sistema, in caso di documento non corrispondente o non applicabile alla propria richiesta, un documento dove si dichiara “DOCUMENTO RICHIESTO NON APPLICABILI ALL’IMPRESA….”). Ulteriori informazioni su: http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/4652 In allegato il Bando

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 04 nov 2016

MONITOR ECONOMICO_MARZO 2016

NEWS INTERNAZIONALI - FAO: in ripresa i prezzi mondiali nel mese di marzo, ma ancora giù rispetto al 2015. NEWS DALL’ITALIA - Le esportazioni delle regioni italiane nel 2015 - Inflazione: ancora in calo i prezzi al consumo - Commercio al dettaglio: in calo le vendite alimentari - Ismea prezzi agricoli: battuta d’arresto per il quinto mese consecutivo BORSINO PREZZI - Speciale cereali In allegato il documento integrale. Cia Chieti-Pescara

Visualizza Allegato

News Chieti-Pescara
In Evidenza - 02 nov 2016

Olio, la battaglia dei 'piccoli' per la qualità: arriva il contrassegno per l'extravergine 100% italiano

L'iniziativa, promossa dal consorzio olivicolo Cno, Cia e Zecca dello Stato, punta a difendere il vero prodotto made in Italy dalle frodi in un mercato difficile, segnato da aumenti dei prezzi e importazioni sempre più massicce dall'estero. Mentre i prezzi dell’olio di oliva salgono in tutta Europa e l’esecutivo Ue propone un incremento del contingente di olio di oliva a dazio zero dalla Tunisia, da noi i piccoli produttori (oltre 700mila aziende attive) lanciano una nuova iniziativa per difendere l’extravergine di qualità made in Italy. Si tratta di un “super contrassegno” che si aggiunge alle indicazioni obbligatorie già in etichetta e certifica l’olio extravergine 100 per cento italiano. Uno strumento in più per i consumatori per mettersi al riparo dalle frodi, che colpiscono sempre più di frequente questo prodotto e sottraggono al settore 1,5 miliardi di euro all'anno. L'annuncio arriva dal Cno (Consorzio nazionale degli olivicoltori) che, con l’appoggio di Cia (Confederazione italiana agricoltori) e Poligrafico e Zecca dello Stato, ha messo a punto il bollo speciale che, come si vede dalla foto, ricorda quelle già esistenti per il vino. "Si tratta di un progetto inclusivo – spiega la Cia – che è a disposizione di tutti i produttori in grado di dimostrare la completa tracciabilità del prodotto, dalla pianta alla bottiglia". Il contrassegno, però, non ha ancora ricevuto il sostegno né del ministero delle Politiche Agricole né di quello dello Sviluppo economico: "Non ci hanno dato il loro imprimatur – spiega ancora la Cia – forse per ostacoli tecnici o di natura politica, non lo sappiamo con certezza. Speriamo che la presentazione ufficiale del progetto (che si terrà l'11 febbraio a Roma, ndr) sia l’occasione per avere anche il loro appoggio e chiudere il cerchio". Il sistema del nuovo contrassegno si basa su tre pilastri: "Stampa di sicurezza - spiega Paolo Aielli, ad dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato - per il riconoscimento del prodotto a tutela dalla contraffazione; tracciabilità mediante sistema informativo (ossia il QR code tramite il quale, con un semplice smartphone, il consumatore può avere tutte le informazioni sull’origine del prodotto, ndr); numerazione univoca presente sui contrassegni che, unita al codice di controllo, consente di conservare traccia della storia del prodotto etichettato". "Siamo pronti - afferma Gennaro Sicolo, presidente del Cno - a immettere il primo milione di bottiglie in distribuzione. Lo scopo è premiare l'olio italiano che risponde ad alcuni parametri distintivi, accuratamente certificati da enti terzi". Tutto questo avviene in un mercato che si complica sempre di più, anche sul fronte dei prezzi che, in Europa sono aumentati del 20% nel 2015 a causa del batterio xylella, comparso nel 2013 in Italia colpendo soprattutto la Puglia, e dello scarso raccolto in Spagna, dove il calo della produzione è iniziato nel 2014 e si è aggravato l'anno scorso a causa della siccità. Lo afferma uno studio pubblicato da Information resources inc (Iri), la società che opera a livello globale nelle ricerche di mercato. L'analisi si basa su rilevamenti in sette paesi dell'Europa occidentale: Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi bassi, Regno Unito e Spagna.In dettaglio l'aumento dei prezzi ha colpito maggiormente i Paesi che utilizzano il prodotto come ingrediente principale nelle loro cucine toccando +27% in Spagna, +21% in Italia e +17% in Grecia, mentre in Francia era +8,5%. Il tema dell'aumento dei prezzi si incrocia, poi, con quello della proposta della Commissione europea di incrementare di 35mila tonnellate l’anno per il 2016 e il 2017 l’import extra di olio di oliva a dazio zero proveniente dalla Tunisia. Un’ipotesi che ha scatenato malumori, come si evidenzia dalle parole di Paolo De Castro, coordinatore per il gruppo dei socialisti e democratici della Commissione agricoltura dell'europarlamento: "Il rischio reale di questa operazione è quello di fornire la possibilità a qualche produttore europeo poco trasparente di modificare nazionalità al prodotto e riesportarlo come olio italiano, spagnolo, greco, ecc.", quindi "se un'azione che nasce come volontà di supportare un Paese in difficoltà si trasforma in danno per la nostra agricoltura, non possiamo sostenerla". Ma dalla Commissione Ue rassicurano: "L'aumento temporaneo e limitato di una quota extra di forniture di olio d'oliva da parte della Tunisia – spiega Daniel Rosario, portavoce per Agricoltura e commercio della Commissione- risponde all'impegno dell'Ue di sostenere l'economia del Paese", in grave crisi dopo gli attacchi terroristici e "questo aumento non sarà significativo e non avrà un impatto negativo sui produttori europei". CNO



News Chieti-Pescara
In Evidenza - 06 set 2016

Esenzioni Imu: il Dipartimento delle Finanze fa chiarezza sugli ambiti di applicazione

Le precisazioni, giunte in seguito alle richieste di Cia e Confagricoltura, riguardano in particolare i terreni agricoli di pianura posseduti dal familiare coadiuvante.


Il Dipartimento delle Finanze, su richiesta di Cia e Confagricoltura, è intervenuto per chiarire alcuni ambiti di applicazione dell'esenzione Imu sui terreni agricoli.


La conferma più importante ha riguardato il trattamento per i terreni agricoli posseduti dal familiare coadiuvante del coltivatore diretto, lavorati dall'impresa agricola di cui è titolare un altro componente del nucleo familiare.


Il Dipartimento, in modo inequivocabile, ha confermato l'esenzione Imu su tali terreni "in virtù del fatto che tale condizione soddisfa entrambi i requisiti posti dalla norma, del possesso e della conduzione". Infatti, il coadiuvante familiare -che deve essere iscritto alla previdenza agricola- nel caso di specie è sia possessore del terreno agricolo sia conduttore, unitamente al titolare dell'impresa agricola, in un contesto di impresa familiare.


Con questo pronunciamento, almeno in parte è stata sanata una "disattenzione" legislativa che sottoponeva a Imu i terreni di pianura condotti da soggetti diversi dai possessori nell'ambito familiare.


Caso frequente quello dei giovani che esercitano attività agricola su terreni posseduti dai genitori: ebbene, in questo caso, se il genitore continua l'attività agricola come coadiuvante del figlio e mantiene attiva la posizione previdenziale come CD, secondo la precisazione del Dipartimento delle Finanze non è più soggetto al pagamento dell'Imu sui predetti terreni.


Esentati dall'Imu anche quei coltivatori (diretti e IAP persone fisiche) iscritti alla previdenza agricola che hanno costituito una società di persone a cui hanno concesso in affitto o in comodato il terreno agricolo di cui mantengono il possesso ma che, in qualità di soci, continuano a coltivare direttamente.


LA CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI (CIA) E' UN'ORGANIZZAZINE LAICA ED AUTONOMA DAI PARTITI E DAI GOVERNI.

Opera in Italia, in Europa e a livello internazionale per il progresso dell'agricoltura e per la difesa dei redditi e la pari dignita degli agricoltori nella societa Organizza gli imprenditori agricoli e tutti coloro che sono legati all 'attivita agricola da rapporti non transitori. La Cia si articola in associazioni di categoria, istituti e societa che operano per la sicurezza alimentare e la salvaguardia dell'ambiente, nel campo dell'assistenza previdenziale, sociale, sanitaria, fiscale e tributaria, della consulenza tecnica, della formazione, dell'assicurazione, dell 'agriturismo, dell'agricoltura biologica e per la tutela degli anziani, delle donne e dei giovani La confederazione ha rappresentanti nei -'maggiori organismi internazionali, comunitari, nazionali, regionali e provinciali

Sedi Regionali